banner
Centro notizie
Fornitore affidabile con particolare attenzione alla garanzia della qualità

Analisi: i produttori di componenti rischiano una crisi di liquidità in uno sciopero automobilistico di Detroit

Aug 19, 2023

[1/3]Un tecnico di assemblaggio della Dana Inc. indossa una maschera facciale mentre assembla assali per case automobilistiche, mentre l'industria automobilistica inizia a riaprire nel contesto dell'epidemia di coronavirus (COVID-19), nello stabilimento Dana di Toledo, Ohio, Stati Uniti, 18 maggio 2020. REUTERS/Rebecca Cook/file Photo acquisisce i diritti di licenza

DETROIT, 24 agosto (Reuters) - Molti piccoli produttori statunitensi che forniscono componenti alle tre case automobilistiche di Detroit saranno a rischio se un lungo sciopero degli United Auto Workers dovesse fermare le catene di montaggio a partire dal mese prossimo, hanno detto dirigenti e analisti del settore.

Molti produttori di ricambi per auto di piccole e medie dimensioni si trovano in condizioni finanziarie deboli dopo lo shock delle chiusure dovute alla pandemia e la conseguente carenza di semiconduttori che hanno depresso la produzione di veicoli presso General Motors (GM.N), Ford (FN) e Stellantis NV (STLAM.MI). Operazioni in Nord America per gran parte degli ultimi tre anni, hanno riferito a Reuters esperti del settore.

Uno sciopero della UAW non è una certezza. Ma i sostanziali aumenti salariali e previdenziali richiesti dal presidente della UAW Shawn Fain, e l’intensità della campagna portata avanti dal sindacato, hanno spinto i dirigenti e gli analisti dell’industria di Detroit a prepararsi allo scioglimento il mese prossimo. La UAW ha organizzato uno sciopero di 42 giorni contro GM nel 2019 prima di stipulare un nuovo contratto.

Con le banche regionali che restringono il credito, alcuni produttori di componenti più piccoli potrebbero rimanere senza soldi o avere difficoltà a riavviare la produzione una volta che i Tre di Detroit e la UAW arriveranno ad un accordo e le catene di montaggio si avvieranno, hanno detto gli esperti del settore.

Secondo il gruppo commerciale Motor Equipment Manufacturers Association, l’industria manifatturiera dei componenti per auto impiega 4,8 milioni di persone. Molti di questi lavori si trovano nel Michigan, nell’Ohio e in altri stati del Midwest degli Stati Uniti, nonché nella provincia canadese dell’Ontario.

I piccoli fornitori sono fondamentali per le catene di fornitura delle case automobilistiche. Se anche una sola staffa, bullone o parte interna in plastica non arriva alla catena di montaggio, la produzione potrebbe interrompersi. Le case automobilistiche hanno trascorso gran parte degli ultimi tre anni a gestire le interruzioni della catena di fornitura e stanno ancora lavorando per riprendersi.

"Non c'è dubbio, ci sarà un forte effetto a catena lungo tutta la catena di fornitura", ha affermato Daniel Rustmann, azionista dello studio legale Butzel di Detroit che lavora con i fornitori di automobili. "Potrebbe essere la goccia che fa traboccare il vaso."

Alcuni fornitori si stanno già preparando per una tempesta.

"Le nostre entrate subiranno un calo dal 10 al 20%", ha affermato Todd Olson, amministratore delegato di Twin City Die Castings Co a Minneapolis, che produce una serie di componenti metallici per le case automobilistiche.

Olson ha detto che sta lavorando per tenere sotto controllo l'inventario. Un breve sciopero non imporrebbe grandi cambiamenti nelle operazioni di Twin City. Uno sciopero più lungo significherebbe licenziare alcuni lavoratori. Ma ciò comporta dei rischi a causa del basso tasso di disoccupazione, ha affermato.

"Se sono tre mesi o qualcosa del genere, avranno altri lavori, giusto? Non torneranno", ha detto.

Laurie Harbour, presidente di Harbour Results, ha detto di essere preoccupata per il numero di clienti che producono componenti per auto della sua azienda che non si stanno ancora preparando per gli scioperi della UAW.

Circa il 30% di una popolazione di 400 aziende di cui Harbour Results ha studiato i dati finanziari del 2022 "è ciò che chiamiamo non bancabile. I loro livelli di debito sono troppo alti e non stanno realizzando profitti", ha detto Harbour. Secondo l’ultimo sondaggio, la percentuale di aziende in difficoltà è aumentata rispetto al 20% basato sui dati del 2021.

Molte aziende potrebbero trovarsi in condizioni peggiori ora perché i volumi di produzione rimangono al di sotto dei livelli pre-pandemia, mentre i costi di finanziamento e altre spese sono più elevati, ha affermato.

Fain della UAW ha affermato che il 14 settembre, la fine degli attuali contratti principali della UAW con i Detroit Three, è una "scadenza, non un punto di riferimento". I membri della UAW voteranno questa settimana per autorizzare gli scioperi se non verranno conclusi nuovi accordi, e i leader della UAW hanno organizzato quelli che hanno chiamato "picchetti di prova" in alcuni stabilimenti questa settimana.

Il sindacato sta cercando la fine di un sistema salariale che paga i nuovi assunti meno dei veterani che svolgono lo stesso lavoro, un aumento del 40% della retribuzione oraria, il ripristino degli adeguamenti al costo della vita e il ripristino dei piani pensionistici a benefici definiti per tutti i dipendenti UAW.